La  divisa 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

-----------------------------------------------------

~~~

 

 

    Tutti gli Ordini Religiosi, nel corso dei secoli, hanno permesso ai fedeli laici di associarsi al proprio ideale, sì da farli partecipi con maggiore pienezza del particolare carisma del Fondatore. Anche l’Ordine della Mercede, fin dall’inizio, ha aggregato a sé fedeli laici che, pur non vivendo in convento, desideravano partecipare dello spirito redentore proprio dell’Istituto.

    Come segno di appartenenza e di partecipazione al rispettivo ideale e finalità, ai fedeli laici venne offerto il privilegio di indossare il sacro abito religioso, ridotto al solo scapolare, e anche solo alla misura di simbolo, come abitino, cioè ridotto ad un piccolo abito; in seguito venne anche data l'opportunità, esclusivamente alle associazioni riconosciute ed aggregate all' Istituto, di indossare il mantello bianco dell'Ordine, chiamato più comunemente cappa. San Pietro Nolasco, per primo, dette l'abito di Santa Maria, come allora veniva chiamato, a quei fedeli legati particolarmente all'Ordine.

    Ai suoi devoti la Madonna della Mercede, Madre di Dio e Madre nostra, ha dato il suo abito come segno di protezione nel pericolo e mezzo di salvezza. Tanti cristiani, sin dall'origine dell'Ordine, lo hanno indossato. I sommi Pontefici lo hanno approvato e arricchito di grazie spirituali.

    I fedeli che indossano lo scapolare e la cappa Mercedaria sono riuniti in Associazioni pubbliche della Chiesa, che nell'Ordine costituiscono le Fraternità Laicali Mercedarie. Tra queste, oltre all'Arcigremio della Mercede di Sassari, ricordiamo la Compagnia di Santa Maria della Mercede, le Confraternite ed il Terz'Ordine sparsi in moltissime Nazioni; tutte queste componenti ecclesiali appartengono alla grande Famiglia Mercedaria e partecipano in qualche modo allo spirito redentore dell'Ordine.

    Particolarmente interessante ed apprezzata è la divisa che i componenti l'Arcigremio indossano nelle ricorrenze religiose: è formata da pantaloni neri di cordellino di lana, camicia bianca con pizzo al collo ed ai polsi, gilet di broccato con dodici bottoni di filigrana, frac nero con bottoni dorati, maniche ricamate in oro e stemma della Mercede, spada e feluca da ufficiale (che ricordano l'antico carattere militare dell'Ordine) ed ampio mantello bianco (cappa) che, secondo la tradizione, sottolineata anche da ampia iconografia, la stessa Vergine SS. della Mercede, apparendo a San Pietro Nolasco, comandò fosse indossato da tutti i Mercedari a significare il Suo Immacolato Concepimento.

    All'inizio del periodo di formazione, durante un celebrazione che ha luogo nella Cappella della Sede-Museo davanti all'Immagine della Madonna della Mercede, l'Obriere Maggiore in carica impone l'abito al novizio alla presenza di tutti i componenti l'Arcigremio. Fra le altre cose, oltre ad osservare fedelmente le leggi della Chiesa Cattolica Apostolica Romana, il nuovo associato si impegna a diffondere con tutte le sue forze la devozione alla Madonna della Mercede.

 

~~~

-----------------------------------------------------

 

 

 

 

 

 

©Gremio della Mercede